cipolla cavasso e della Val Cosa bg fade

Prenota ora la Cipolla di Cavasso e della Val Cosa

Sappiamo tutti quanto sia difficile trovare la vera cipolla di Cavasso e della Val Cosa, presidio Slow Food: dolce, gustosa, ma soprattutto disponibile in quantità limitate! Per fortuna Soplaya vi aiuta anche in questo. Grazie alla collaborazione diretta con il famoso Presidio Slow Food, potete prenotare ENTRO il 15 AGOSTO la vostra fornitura (anche divisa in più consegne) di cipolla. Non appena il prodotto sarà raccolto verrai informato delle date di consegna precise.

Vorresti la Cipolla di Cavasso e della Val Cosa ma NON sei già registrato? Registrati ora

Acquistare direttamente dal produttore e al giusto prezzo

cipolla rosa

La Cipolla rossa di Cavasso e della Val Cosa è un prodotto di eccellenza presidio slow food

che comprende come zona di produzione tipica tutto il territorio del Comune di Cavasso Nuovo e dei comuni confinanti. Più precisamente il territorio che si incontra tra la fascia collinare compresa tra i Magredi dell’alta pianura del Friuli Occidentale e le Prealpi Carniche, in un’area di coltivazione compresa tra i 200 e i 400 metri sul livello del mare.

L’Azienda Agricola Carusone Sandra, fondata negli anni ’60 con sede a Cavasso Nuovo (PN), porta avanti la tradizione familiare della coltivazione e trasformazione della cipolla rossa di Cavasso e una varietà di prodotti tipici.

Alla guida dell’impresa, Sandra riferisce:

“Coltiviamo la Cipolla Rossa generalmente in orti e piccoli appezzamenti soleggiati, il cui strato di lavorazione è costituito da un terreno di medio impasto, tendente allo sciolto, ben areato. Tengo a dire che ho creduto molto in quest’attività, fatta di duro lavoro e grossi investimenti per essere al passo nei processi di produzione e trasformazione dei prodotti. Ho iniziato con un piccolo laboratorio, tuttora utilizzato, a breve inaugureremo una nuova struttura per aumentare la varietà dei prodotti trasformati”.

Come ogni produttore della Cipolla di Cavasso e della Val Cosa, l’azienda rispetta un severo disciplinare di produzione, che tutela la biodiversità e si avvale di tecniche di coltivazione tradizionali.